Universicari-Ajajax Unileague: orange in finale dopo una partita combattutissima

Semifinale di tutto rispetto quella tra Universicari e Ajajax Brazorf nella Champions League del torneo Unileague di Ulmi. Da pronostico era una partita difficile da leggere, e così è stato anche in campo.

Cominciano forte gli Universicari, che dopo appena 2′ di gioco si portano avanti grazie ad uno scatenato Triassi. Budroni prova subito a replicare su punizione ma colpisce il palo, Scalandra allora non si fa pregare e fa subito 2-0.

Nel resto del primo tempo attacca spesso la squadra in maglia gialla, Ajajax, che però deve infrangersi più volte sul muro Trevisan, una vera e propria saracinesca non scardinabile.

Solo all’ultimo istante del primo tempo Ajajax trova spazio per colpire, e lo fa con il solito Leuce che dimezza lo svantaggio. Il secondo tempo però comincia ancora con gli Universicari a premere sull’acceleratore, e l’uomo della serata, Triassi, fa 3-1 orange.

Partecipa alla festa anche bomber Carbonara, che a 4′ dalla fine porta i suoi sul 4-1. Sembra tutto apparecchiato per la finale, ma attenzione a dare per morto Ajajax. La reazione con il cuore arriva, Leuce ne fa 2 in un paio di minuti e si porta a casa il pallone, ma non basta ad Ajajax per agguantare la finale: sarà Universicari contro Liam.

LE PAGELLE

UNIVERSICARI
Trevisan 7.5 Primo tempo mostruoso. Ajajax ci prova in tutti i modi, lui se la ride e para di tutto.
Triassi 7.5 Prestazione sublime, tecnica ed elegante. Non sbaglia un colpo e ne mette dentro due.
Lanotte 7 Solido e massiccio in difesa, fa la voce grossa.
Carrer 7 Efficace e pratico. Buonissima prova.
Gagliardi 7.5 Motorino sulla fascia, fa avanti e indietro per tutta la partita senza alcuna fatica.
Carbonara 7.5 Il Bomber la mette sempre. Attaccante con la A maiuscola.
Scalandra 7 Comincia benissmo il match. Qualità sopra la media per il 10.

AJAJAX BRAZORF

Zangrandi e Prina 6 Due portieri che giocano un tempo a testa. Subiscono entrambi due gol ma non hanno particolari colpe.
Fioretti 6 Prova sempre a rendersi disponibile per i compagni. A volte ci riesce altre meno.
Quinteri 6 Gioca poco ed è sotto ai suoi standard.
Schlatter 5.5 Entra ma non incide sulla fascia come invece sa fare.
Lavatelli 5.5 Soffre la velocità avversaria e non riesce sempre a prendere le misure agli avversari.
Toni 5.5 In mezzo al campo può e deve dare di più. Soprattutto a livello di qualità, visto che ne ha e l’ha messa in mostra in altre partite.
Budroni 5.5 Si salva solo la punizione, per il resto poco.
Leuce 7 Tripletta e squadra sulle spalle come al solito. Il suo cuore non basta.
Lampani 6 In difesa dice la sua, sempre pronto con il fisico a dettare legge.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Scrivici su WhatsApp