Narghy-Hammers Ulmi Open: i campioni in carica vincono ancora grazie a capitan Marino

Il 2022 di Ulmi comincia con il botto, a partire da una super sfida tra Narghy e Hammers che inaugura l’anno nuovo nel migliore dei modi. Le due squadre sono entrambe ben collaudate e affiatate, dimostrandolo sul campo dove nessuna sembra intenzionata a mollare. Alla fine di una partita bella, combattuta ed equilibrata, sono i campioni in carica di Hammers a portare a casa la vittoria, grazie al gol decisivo segnato dal solito Federico Marino, capitano e leader dei granata.

LA PARTITA

Il match è molto tirato ed equilibrato fin dall’inzio, con le due squadre che attaccano a pieno organico ma con le due difese che riescono a tenere bene botta.

Per Narghy c’è un Ahmed in grandissimo spolvero, oltre che una difesa rocciosa e solida. Il numero 10 dei verdi infatti, nel primo tempo si rende protagoniste di tante giocate di estrema qualità, compreso un incrocio dei pali clamoroso colpito a metà tempo. Negli Hammers invece, regna l’armonia di squadra, con Paoluzzi che è però l’indiziato numero uno a buttare dentro il pallone. Nonostante una grande molo di gioco creata e numerose occasioni da gol, la prima frazione termina sullo 0-0.

Nella ripresa non cambia il canovaccio della gara, con entrambe le compagini determinate a vincere questa partita per portarsi a casa 3 punti importanti in ottica campionato.

Alla fine ci pensa capitan Marino ad aprire le danze, con la sua classica giocata da sinistra verso destra, a convergere verso il centro del campo per poi trafiggere Scuteri con un bel destro.

Questo è il gol che decide l’incontro, con gli Hammers che salgono a quota 9 punti a punteggio pieno, aggaciando così La Casa de Padel e gli Arro-Ghandi al comando della classifica. Da segnalare sicuramente anche la volontà e la compattezza di Narghy, una squadra che se gioca a questi ritmi può giocarsela davvero contro chiunque.

LE PAGELLE

NARGHY
Scuteri 6 Incolpevole sul gol e protagonista di altre belle parate.
Lusi 6.5 Difensore eccezionale. Gioca sempre d’anticipo e non si fa mai saltare.
Perrone 6 Fa il suo senza scomporsi. Tiene bene botta in difesa.
Giangoia 6.5 Gran corsa sulla fascia destra, dove non molla mai di mezzo centimetro.
Curridori 6 Tanto movimento e lavoro sporco là davanti ma pochi palloni giocabili.
Nassar 6.5 Mette grinta e cuore in questa partita, dove combatte strenuamente contro ogni avversario.
Ahmed 7 La qualità passa inevitabilmente per i suoi piedi. Quando decide di puntare l’avversario lo salta sempre.

HAMMERS
Sentinella 6.5 Porta inviolata e grande abilità nel giocare con i piedi.
Ravetta 6.5 Ottimo difensore, dotato di grande gamba e scatto bruciante.
Troilo 6.5 Pulito e ordinato, abile nel cambiare spesso gioco con lanci precisi.
Loja 6.5 Il baluardo della difesa granata, tiene sempre botta e prova anche spesso a capovolgere fronte.
Marino 7 Chi poteva deciderla se non il capitano? Un nome una garanzia, per un giocatore che è sempre decisivo.
De Luca 6 Fa il suo sulla fascia destra senza particolari problemi. Diligente.
Husi 6 Lotta e combatte là davanti nel primo tempo, mentre abbassa il suo raggio d’azione nella ripresa.
Paoluzzi 7 Tanta sfortuna per lui, che prova fino alla fine a trovare il gol ma tra cattiva sorte e ottimi interventi di Scuteri deve acccontentarsi “solo” della vittoria.

 

Francesco Nigro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Scrivici su WhatsApp